Aria di Palio

Juri Gigliotti ci racconta come sarà tornare in Piazza

Il Palio dei Somari si sta finalmente avvicinando. In via del tutto eccezionale il 25- 26 settembre, Torrita di Siena ritroverà la tradizione del Palio dei Somari, ormai giunto alla sua 64° edizione.

La manifestazione si svolgerà in forma leggermente diversa per ottemperare tutte le normative previste dal protocollo anti-contagio, l’Associazione Sagra di San Giuseppe ha predisposto un calendario di eventi che prevede il solo svolgimento di sole due giornate e non comprende lo svolgimento delle Taverne.

Ma intanto, la IX Festa dei Giovani Sbandieratori e Tamburini regalerà finalmente lo spettacolo tanto atteso dalla comunità torritese. E proprio per questo Juri Gigliotti, presidente dei Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Torrita di Siena, ci ha parlato di come si realizzerà la manifestazione e di cosa significa tornare finalmente a vedere le bandiere sbandierare e tamburi risuonare nel centro storico di Torrita di Siena.

Juri, come si svolge la manifestazione e di cosa si occupa il gruppo Sbandieratori e Tamburini ?

Il gruppo organizza tutta la parte che riguarda  gli eventi, tutto ciò che attiene la parte tecnica: le entrate e le uscite del gruppo, le prove e in più organizza la gara delle 8 contrade che si svolge il sabato sera, chiamando giudici e organizzando proprio il programma di  gara.
In più quest’anno si farà finalmente il saggio dei Giovani Sbandieratori e Tamburini che non è stato possibile svolgere lo scorso anno. La scuola è attiva dal 2007 e ha visto la partecipazione di numerosissimi “cittini” (bambini ndr.), che purtroppo lo scorso anno non hanno potuto mettere in luce il grande lavoro svolto durante le prove iniziate con i corsi nel 2019. Perciò siamo molto felici di garantire questo appuntamento che segna la fine dei corsi iniziati ormai  più di due anni fa.
La Festa si svolgerà partendo dalla piazza Matteotti, fino a scendere in corteo per le vie della città fino ad arrivare al Gioco del Pallone, dove i ragazzi potranno esibirsi nel loro spettacolo tanto atteso. La festa si avrà luogo in più saggi perché i ragazzi vengo suddivisi in gruppi per età, dal più piccolo (10 anni) al più grande (14anni.).

E dunque i ragazzi come stanno vivendo questa situazione?

I “cittini” che oramai sono diventati grandi dopo due anni, sono felici di tornare una vita semi-normale, così come maestri che li hanno accompagnati in questo viaggio. Questi ragazzi, appassionati della bandiera e del tamburo, finalmente possono esibirsi dopo molto tempo e dare prova delle loro abilità. Sono molto entusiasti e non vedono l’ora di esibirsi nello spettacolo.

Come si sono preparati a questo evento?
Come dicevamo, il corso ormai è iniziato nel 2019 e si è bloccato proprio prima della manifestazione a marzo 2020. A giugno abbiamo ripreso le bandiere e i tamburi in mano e iniziato di nuovo con le prove, sempre seguendo e rispettando tutte le misure previste dai protocolli, senza prevedere però che a settembre il Palio si sarebbe fatto. Tutto questo per garantire il massimo della socialità e non perdere tutto il lavoro svolto nell’anno precedente, per tenerli vicini al mondo del Palio e continuare così la tradizione.

Con il Gruppo Sbandieratori e Tamburini, prima che arrivasse il Covid, viaggiavate moltissimo. Potete vantare esibizioni in molte parti d’Europa. Dove vorreste andare o tornare una volta che la pandemia sarà terminata?

Sicuramente ci piacerebbe moltissimo tornare nella nostra seconda casa a Horsens in Danimarca, dove si tiene il festival medievale più grande di Europa. Dovevamo andare nel 2020 per festeggiare con loro i 20 anni di manifestazione ma purtroppo per ovvi motivi non fu possibile, e quindi speriamo che questo accada presto . Mentre il sogno di una vita sarebbe un’esibizione negli Stati Uniti D’America, sogno che però non sarà facile realizzare al momento, ma speriamo che presto le frontiere riaprano e che arrivi la possibilità di tornare a viaggiare anche per noi e di portare sempre più in alto il nome del Gruppo Sbandieratori e Tamburini di Torrita di Siena.

La Madonna delle Nevi: una piccola Cappella Sistina a Torrita di Siena

La Madonna delle Nevi: una piccola Cappella Sistina a Torrita di Siena Nel mutare di denominazione, da Madonna di Porta Read more

Si respira aria di estate a Torrita di Siena

Tutti gli eventi per trascorrere la stagione più bella dell’anno nel borgo toscano L’estate è ormai arrivata e, come di Read more

Villa Marselli
I Giardini di Villa Marselli a Montefollonico: un luogo incantato tutto da scoprire

I Giardini di Villa Marselli a Montefollonico: un luogo incantato tutto da scoprire Il 22 maggio in occasione della giornata Read more